BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home / News / Terremoti sempre piu’ frequenti, come possiamo prevederne l’arrivo?

Terremoti sempre piu’ frequenti, come possiamo prevederne l’arrivo?

Purtroppo stiamo vedendo in questi giorni come i terremoti in Italia siano in aumento, tutti ci chiediamo se ci sia un modo per prevedere l’arrivo di queste scosse sismiche. In questi giorni abbiamo visto colpita soprattutto l’Emilia Romagna, con Ferrara, Cavezzo, Medolla, San Prospero, Concordia, San Possidonio, Finale Emilia, Mirandola, Modena, Sassuolo, Carpi, San Felice sul Panaro, Camposanto, Novi e altri comuni circostanti. La scossa è stata avvertita anche in Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto, questo ci fa comprendere purtroppo quanto sia stata intensa.

Da Internet, si può sapere in tempo reale attraverso social network come Facebook e Twitter, o siti di video come Youtube e Youreporter le testimonianze dalle zone colpite.

Purtroppo ci sono delle vittime, questa situazione mette giustamente in apprensione la popolazione, sia per la ricerca dei dispersi, sia per la paura che si ripresentino altre violente scosse.

Da un po’ di tempo si sta studiando la possibile correlazione tra eventi come l’attività sismica e le emissioni naturali di gas radon. Infatti, si riscontra un aumento della concentrazione di gas Radon negli strati più superficiali del terreno. Questa è la conferma che qualche roccia profonda si è fratturata lasciando fuoriuscire questo gas. Il Radon si forma per decadimento dell’Uranio e di solito rimane intrappolato nelle rocce in cui nasce finchè non viene liberato da un’ estesa frattura provocata da un primo, leggero “terremoto” che avviene in profondità.

Altri sostengono che i terremoti che possono arrivare si possono “ascoltare” con radio e antenna, infatti si studiano le emissioni radio naturali provocate probabilmente dalla rottura delle rocce. Queste emissioni si posso captare nella primissima parte dello spettro radio, quello delle frequenze acustiche nelle bande ULF, ELF e VLF (quindi sotto i 30 kHz).

Poi si parla molto dei nostri animali domestici, come ad esempio i gatti, che sarebbero in grado di “prevedere” l’arrivo di un terremoto, vista la loro sensibilità (possono avvertire suoni fino a 70 mila Hz)

Per ogni aggiornamento della situazione in tempo reale, è meglio visitare il sito dell‘INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia).

Usare il telefono solo per emergenze reali.
I numeri per segnalare emergenze sono:

Ferrara: 0532771546
Modena: 059200200
Mirandola: 0535611039
San Felice sul Panaro: 800210644
Cento: 3332602730

.